Italia sacra. Le raccolte di vite dei santi e l’inventio delle regioni (secc. XV-XVIII)
a cura di T. Caliò, M. Duranti e R. Michetti
Roma 2013

italiasacra

Le regioni italiane sono costruzioni artificiali o entità territoriali che appartengono alla nostra memoria culturale? La questione, oggetto di dibattito politico e storiografico sin dal Risorgimento, fa da sfondo a questo volume, incentrato su una fonte significativa per gli studi della storia delle identità regionali: le raccolte territoriali di vite di santi. Forgiate tra la fine del medioevo e la piena età moderna nelle officine degli ordini religiosi e nel fuoco delle controversie dottrinali, tali opere ridisegnano, in continuità con la cultura umanistica, le entità regionali della penisola, dal Piemonte alla Calabria, dalla Toscana alla Lucania, dall’Umbria alle isole maggiori. Gli eruditi agiografi, attraverso un intenso lavoro di scavo archivistico e l’uso combinato di una pluralità di testimonianze – archeologiche, cronachistiche, epigrafiche, iconografiche –, promuovono antichi e nuovi luoghi di culto, creano narrazioni identitarie, disegnano inediti paesaggi sacri: una inventio, qui intesa nel duplice senso di «riscoperta» e «invenzione», di tradizioni, spazi e confini regionali, sostenuta non di rado da una sensibilità di tipo geo-cartografico. Si tratta di un ambizioso progetto culturale che coinvolge le personalità di punta dell’erudizione ecclesiastica e che, sottoposto qui all’analisi di studiosi di diverse discipline e ambiti cronologici, si è rivelato un interessante osservatorio dei processi di formazione culturale e politico-istituzionale all’origine delle attuali regioni italiane.

Info: www.viella.it

Approfondisci

Giustina e le altre. Sante e culti femminili in Italia settentrionale dalla prima età cristiana al secolo XII
a cura di A. Tilatti e F. G. B. Trolese
Roma 2009

giustina e le altreAtti del VI convegno di studio dell’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia, Padova, 4-6 ottobre 2004

Il volume raccoglie gli atti del convegno svoltosi a Padova fra il 4 e il 6 ottobre 2004. Nella ricorrenza pluricentenaria di una delle più famose persecuzioni contro i cristiani (304), l’attenzione si è rivolta alle figure martiriali femminili, muovendo da Giustina di Padova come caso emblematico da confrontare con altri culti e altre agiografie, come, ad esempio, quelli di Tecla e di Eufemia. Vengono affrontate questioni generali, come la riflessione sulle fonti e la loro fruibilità, il rapporto tra santità maschile e femminile, il significato dei culti e delle agiografie rispetto alle istituzioni e ai contesti sociali e culturali.

La definizione cronologica di lungo periodo, dalla prima età cristiana al secolo XII, ha permesso di seguire gli sviluppi e gli adattamenti della santità femminile, sia sul piano delle tipologie di santità, sia su quello delle scritture/ riscritture agiografiche. Attraverso le diverse espressioni di originalità, adeguamento, reimpiego, è possibile cogliere motivazioni, significati e finalità di una produzione che conferma il suo valore di testimonianza storica, sempre preziosa e spesso unica.

Info: www.viella.it

Approfondisci

Ordini religiosi, santi e culti tra Europa, Mediterraneo e Nuovo Mondo
a cura di R. Michetti, B. Pellegrino, G. Zarri
Lecce 2009

ordini-religiosi-santita-culti-1-2009

In continuità con il precedente saggio Ordini religiosi, santità e culti: prospettive di ricerca tra Europa e America Latina (Congedo Editore, 2003), il presente volume si propone di avviare un’analisi comparativa della costruzione del sacro e della promozione del santo nella pratica evangelizzatrice e missionaria degli Ordini religiosi nel Mediterraneo, nell’Europa centrale e nel Nuovo Mondo. Nella struttura complessiva del volume prevalgono gli interventi dedicati al contributo degli Ordini religiosi per la promozione dei culti nelle diverse regioni dell’Italia Meridionale e insulare. Ciò non influisce tuttavia in alcun modo nel complessivo intento del progetto, volto ad individuare influenze culturali che si propagano dall’Europa mediterranea ed atlantica al Nuovo Mondo, trasformandosi e innovandosi al contatto con le terre di missione, e ad analizzare il contributo dell’agiografia e dei culti nel processo di costruzione delle identità culturali regionali. Il volume si articola in quattro sezioni e alterna a interventi di carattere storiografico e metodologico ricerche specifiche volte ad illustrare i caratteri peculiari del rapporto Santità ordini religiosi e culto rispettivamente nel contesto europeo, in quello dell’Italia meridionale e nel Nuovo Mondo. Un certo rilievo all’azione centralizzatrice della curia romana, attuata tramite gli Ordini religiosi, deve riconoscersi nella svolta che la cultura controriformistica imprime alla santità meridionale, trasformando un eccessivo particolarismo devozionale, legato alla ‘territorialità’ dei culti, in accettazione di culti prestati a santi ‘stranieri’, come i fondatori delle nuove Congregazioni di Chierici regolari. Un carattere rilevante della santità controriformistica è anche dato dall’accentuazione del culto alla Vergine Maria, veicolato per lo più dagli Ordini religiosi antichi o riformati. La circolarità tra culti europei e devozioni del Nuovo Mondo è documentata da un manipolo di saggi dell’ultima parte del volume che provano sia la trasmigrazione che l’adattamento del ‘santo’ europeo nelle nuove terre di missione.

Info: www.congedoeditore.it

Approfondisci

Il tempo dei santi tra Oriente e Occidente. Liturgia e agiografia dal tardo antico al concilio di Trento
a cura di Anna Benvenuti e M. Garzaniti
Roma 2005

il tempo dei santi

Questo volume illumina il ruolo straordinario delle tradizioni liturgiche e agiografiche nella civiltà dell’Oriente e dell’Occidente in un periodo di tempo che va dall’epoca tardo antica alla caduta di Costantinopoli per l’Oriente e all’avvento della Riforma protestante per l’Occidente.

Lo sviluppo del culto dei santi è profondamente legato alla celebrazione liturgica, ma la storiografia ha, in genere, prestato scarsa attenzione a questo tipo di cultura e alle sue fonti, privilegiando la letteratura agiografica; allo stesso tempo ha spesso trascurato di comparare le tradizioni religiose orientali e occidentali malgrado le comuni origini e i profondi interscambi.

Agiografi, liturgisti, filologi, storici, studiosi dell’arte medievale e bizantina sono convenuti a Firenze dal 26 al 28 ottobre 2000 – in occasione del IV Convegno internazionale di Studio dell’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia – per confrontarsi sulle molteplici implicazioni del culto dei santi fra Oriente e Occidente nel lungo millennio di una storia in parte condivisa, in parte separata.

Info: www.viella.it

Approfondisci

Notai, miracoli e culto dei santi. Pubblicità e autenticazione del sacro tra XII e XV secolo. Atti del Seminario internazionale (Roma, 5-7 dicembre 2002)
a cura di R. Michetti
Milano 2004

L’opera intende indagare la registrazione e la certificazione dei miracoli per mano notarile nel Medioevo, usufruendo delle competenze di specialisti di diritto della storia religiosa e della storia del notariato.

Info: www.giuffre.it

Approfondisci

Europa sacra. Raccolte agiografiche e identità politiche in Europa fra medioevo ed Età moderna
a cura di S. Boesch Gajano e R. Michetti
Roma 2002

europa sacra

L’Europa costituisce uno straordinario campo di osservazione per verificare le intersezioni fra ideologia politica e prodotti culturali, fra spinte universalistiche centralizzatrici ed esigenze locali, proprio per la varietà di situazioni, da quelle dove più forte è stato lo sviluppo delle istituzioni politico-territoriali a quelle dove la dimensione linguistico-culturale ha prevalso nel definire un´identità. Le raccolte di vite di santi, un genere letterario che vede impegnati i maggiori intellettuali, si rivelano come una fonte preziosa per osservare l’emergere di un’attenzione particolare a contesti geopolitici, finalizzata alla costruzione di identità territoriali attraverso la storia della santità e delle reliquie, intese come strumenti di sacralizzazione del territorio. Al confine fra scrittura agiografica e scrittura storica, le raccolte contribuiscono a gettare nuova luce sulla storia religiosa, politica e culturale dell´Europa fra Medioevo ed Età moderna.

Info: www.carocci.it

Approfondisci

Bibliografia agiografica italiana 1976-1999
a cura di P. Golinelli
Roma 2001

bibliografia agiograficaFrutto di sei anni di lavoro e della collaborazione di una ventina di soci dell’Associazione italiana per la storia della santità, dei culti e dell’agiografia (AISSCA), questa Bibliografia agiografica italiana, con le sue 3.638 schede, in gran parte corredate di commento, e con l’ampio indice analitico (con i nomi dei santi, dei luoghi, degli autori e dei personaggi che lo corredano), offre un quadro pressoché completo degli studi internazionali degli ultimi decenni sui santi italiani.

La bibliografia, organizzata in nove sezioni, costituisce uno strumento complesso, utile per la conoscenza di una stagione fiorentissima di studi, indispensabile per chiunque si avvicini all’agiografia, ai culti e alla santità, con le innumerevoli problematiche ad essa connesse.

Con questo volume l’AISSCA inizia la sezione Strumenti, che si accompagna alla pubblicazione degli Atti dei Convegni, organizzati periodicamente.

Info: www.viella.it

Approfondisci

Erudizione e devozione. Le Raccolte di Vite di Santi in età moderna e contemporanea
a cura di G. Luongo
Roma 2000

erudizione e devozione

Le Raccolte di Vite di santi, considerate nel loro contesto storico-geografico, rappresentano un osservatorio speciale che permette di calarsi nella dinamica dei processi culturali di un arco diacronico che dall’età moderna arriva a quella contemporanea. Questo volume, inserito nel contesto di una ricerca avviata da oltre dieci anni, non smette di proporre nuovi ambiti di studio e si propone di considerare il “genere” delle Raccolte di Vite di santi non come un insieme indistinto di singoli testi, ma come un “prodotto d’autore”, originato da un progetto organico dettato da precise finalità religiose e pastorali, quindi prezioso anche come fonte storica, oltre che letteraria.

Info: www.viella.it

Approfondisci